Prima Pagina

RELIQUIA DI SAN NICOLA DA BARI A MOSCA

EMILIANO: “MIGLIAIA DI PELLEGRINI RUSSI IN PUGLIA PER CELEBRARE UN EVENTO ATTESO DA SECOLI, EMOZIONE GRANDE, FRUTTO DI UN LAVORO LUNGHISSIMO PARTITO CON LA RESTITUZIONE DELLA CHIESA RUSSA”.

“La reliquia di San Nicola è stata inserita nella teca ed è pronta per partire per Mosca. Noi viaggeremo con un volo di Stato russo assieme alla reliquia. È un’emozione molto forte vedere migliaia di pellegrini russi in Puglia, a Bari, per salutare questa partenza. Questo è il frutto di un lavoro lunghissimo, partito con la restituzione della Chiesa Russa di Bari al Patriarcato di Mosca, che Papa Francesco ha completato attraverso l’autorizzazione all’invio della reliquia”.

Sono le parole del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, dalla Basilica di San Nicola di Bari, nel giorno della partenza della missione per il trasferimento di una reliquia di San Nicola da Bari a Mosca. Un evento storico atteso da centinaia di anni dai fedeli russi: per la prima volta nella storia della Basilica, dopo 930 anni, una reliquia lascerà la città di Bari per essere trasferita temporaneamente in Russia (Mosca e San Pietroburgo) fino al 28 luglio prossimo, data del suo rientro nel capoluogo pugliese.

“Sua Santità Francesco ha voluto fortemente questo gesto di amicizia e amore verso il Patriarcato di Mosca – spiega Emiliano – utile evidentemente nel processo faticoso che sia Papa Francesco che il Patriarca Kirill stanno facendo per la riunificazione della chiesa ortodossa con quella cattolica, per rimediare allo scisma d’Oriente. È un processo che evidentemente aveva bisogno della presenza di San Nicola e di un gesto che partisse da Bari, perché Bari viene considerata la città nella quale il dialogo ecumenico e interreligioso è possibile. Questo processo politico, teologico e di fede adesso ha bisogno della spinta del popolo russo e ha bisogno di una carica emotiva e passionale, perché alle volte il dibattito ha bisogno dell’energia del popolo. E San Nicola è il santo del popolo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *