CONDIVIDI

Corato a doveva essere una gita divertente spensierata, invece si mutata in un dramma con la morte di quattro persone che erano diretti alla sagra di San Nicola a Bari, la macchina si è scontrata con un’Audi schiantandosi con un muro di una villa. La quinta persona non è deceduta, ma ha subito delle ferite. Il gruppo che andava nel capoluogo pugliese voleva vedere anche all’esibizione delle Frecce tricolori compreso il corteo storico

La gita organizzata era stata organizzata nei minimi particolari, ma invece è finita con un’incidente mortale, il bilancio è di quattro persone morte e un ferito grave, l’ennesima sciagura stradale sulla ex provinciale 231 all’altezza di Corato. Il gruppo era diretto a Bari per i festeggiamenti in onore di San Nicola, una comitiva parrocchiale di Andria che per l’occasione si erano separate in tre auto, la Fiat Idea dove vi erano cinque persone che viaggiavano ed inaspettatamente è divenuta una trappola di lastra metalliche, per poi finire all’interno di una villa dopo aver fracassato le cancellate e dopo essersi rovesciata più volte.

Dalle prime verifiche appare che la vettura sia stata tamponata da una Audi A6 che avanzava nel uguale senso, però non è chiaro se il guidatore era nella fase di sorpasso. Sono morti sul colpo Emanuele Fasciano, 52 anni, la persona che era alla guida della Fiat, Maria Visitato di 44, con il marito, Antonio Lorusso di 45, e Michele Tatolo di 43. Mentre la moglie del guidatore la signora di 48 anni, è ricoverata all’ospedale “Bonomo” in gravissime condizioni.

Vano è stato ogni sforzo di soccorso da parte degli infermieri del 118 che sono intervenuti sul posto unitamente ai vigili del fuoco e alle guardie giurate della Metronotte di Ruvo di Puglia. Ora spetta alla polizia stradale verificare il preciso svolgimento dell’incidente su questa che in passato è stata spettatrice di altre tragedie.

I corpi delle quattro vittime sono stati trasferiti all’istituto di medicina legale del Policlinico di Bari, non si elimina l’idea che possa essere disposta l’autopsia da parte del giudice. Il comunicato ha destato confusione e dolore nella città di Andria, particolarmente nella associazione della chiesa di San Nicola di Myra, il parroco don Claudio Stillavato ha avuto la telefonata di condoglianze dal vescovo monsignor Luigi Mansi.

 

Fonte della news: Foggiatoday.it

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here